iten

Musei

Museo Nazionale di San Martino

Mercoledì, 11 Maggio 2016 14:33
(0 Voti)

Il Museo Nazionale di San Martino si trova all’interno dell’omonima Certosa, situata sulla collina del Vomero ed affacciata su tutta Napoli. Uno spazio splendido e seducente, in uno dei luoghi più belli della città. Il museo, accessibile dai due chiostri della certosa e sviluppato su due livelli, è dedicato alla storia di Napoli: al suo interno vi sono testimonianze di vita, opere paesaggistici, aspetti culturali e sociali della città.

Al primo piano i visitatori possono ammirare alcuni interessanti ambienti: si tratta in particolare della sezione navale, di quella presepiale e della sala della carrozze. Quest’ultima ospita le carrozze utilizzate dai re di Napoli; la navale include 5 modelli di imbarcazioni reali, armi bianchi e documenti che testimoniano la costruzione o la donazione dei battelli; l’arte presepiale da sempre fa parte della cultura napoletana: il Museo Nazionale di San Martino ne ospita alcuni, tra cui uno dei più famosi, il Cuciniello, chiamato così dal nome del donatore: si tratta di una straordinaria raccolta di personaggi, pastori, animali e nature morte che costituisce il magnifico Presepe.

Gli altri ambienti presenti al primo piano sono la Farmacia – al cui interno vi sono affreschi di Paolo de Matteis -, i giardini da cui si gode di un incredibile panorama di Napoli, il Museo dell’Opera in cui sono raccolti oggetti di vita quotidiana nella Certosa, il Quarto del Priore e la Sezione dei ricordi storici del Regno di Napoli. Quest’ultima costituisce il nucleo fondamentale del museo: attraverso dipinti, sculture, arredi, medaglie, miniature, onorificenze, armi e cimeli vari è possibile ricostruire pezzi importanti della storia della città sotto la dominazione Borbone. Di rilievo la Tavola Strozzi, testimonianza dell’evoluzione topografica di Napoli. Le sale che costituiscono il Quarto del Priori consentono di ammirare preziosi affreschi, dipinti e pavimenti maiolicati. Tra le opere spiccano quelle realizzati da importanti artisti della scuola napoletana tra cui Andrea Vaccaro, Battistello Caracciolo, Artemisia Gentileschi e Massimo Stanzione.

Il secondo livello presenta spazi più ridotti rispetto al primo. Ciò non significa tuttavia che manchino interessanti opere. La prima sala in cui si imbatte il visitatore è quella dell’Ottocento in cui vi sono dipinti della cosiddetta Scuola di Posillipo e diverse sculture in terracotta; il percorso espositivo continua con maioliche, porcellane, vetri ed oggetti preziosi, una sezione teatrale ed una dedicata alle stampe e ai disegni tra cui quelli di Luigi Vanvitelli – architetto della Reggia di Caserta; non mancano scenografie del Teatro San Carlo.

Oltre a quelli già citati, tra gli altri artisti e le opere presenti nel museo citiamo Cosimo Fanzago – l’architetto che lavorò alla struttura della stessa Certosa -, due sculture di Pietro Bernini, padre del più famoso Gian Lorenzo, il “San Girolamo” di Jusepe de Ribera, e diverse vedute di Napoli realizzate dall’artista olandese Gaspar van Wittel.

Il Museo Nazionale di San Martino si trova in Largo San Martino, 5. Aperto tutti i giorni, tranne il mercoledì, dalle 8:30 alle 19:30 (ma alcune sezioni sono accessibili soltanto dalle ore 10:30). Il costo del biglietto è di €6. San Martino è raggiungibile dal centro storico di Napoli servendosi della funicolare centrale Piazzetta Augusteo – Piazza Fuga (quest’ultima è la fermata più vicina al museo). E’ possibile raggiungere il quartiere del Vomero anche con altre due funicolari e con numerosi bus.

486

Rent a Bed sas di Maurizio Tiso & C.

Via Marino e Cotronei, 10 c/o studio Cima
80128 - Napoli
Partita Iva: 07513130638

Info e Contatti

L'ufficio è aperto da Lunedi a Venerdì Orario: 9.00-18.00. Sabato e domenica è possibile contattarci via mail: info@rentabed.com

  • Tel. +39 392 3174864
  • Tel. +39 320 1107764

Seguici sui Social